Keyword research: gli errori più comuni (e più gravi) da evitare

Una buona strategia SEO non può prescindere dall'individuazione e dalla scelta delle parole chiave. La keyword research è un passaggio fondamentale per posizionare il tuo sito nella prima pagina dei motori di ricerca, attirare traffico al suo interno e aumentare le probabilità di ottenere elevate conversioni.
Quaderno aperto per ricerca di parole chiave - Keyword Research

Una buona strategia SEO non può prescindere dall’individuazione e dalla scelta delle parole chiave. La keyword research è un passaggio fondamentale che devi intraprendere per posizionare il tuo sito nella prima pagina dei motori di ricerca, attirare traffico al suo interno e aumentare le probabilità di ottenere elevate conversioni. Il problema è che si tratta di un passaggio faticoso, che richiede tempo, risorse e soprattutto competenza: spesso anche gli addetti ai lavori finiscono per relegare l’analisi e la selezione delle parole chiave ai margini della propria attività, reiterando errori che finiscono col danneggiare da un lato i tuoi obiettivi di marketing – perché non riuscirai a distinguerti e quindi non sarai trovato – dall’altro gli utenti, che non riconosceranno il valore della tua offerta e non ti prenderanno in considerazione quando effettueranno un comportamento d’acquisto. Per evitare di commettere errori tanto frequenti quanto compromettenti, ecco una lista di cose da evitare durante la ricerca delle keyword.

1. Cercare le parole sbagliate

Può sembrarti assurdo esordire così ma, un po’ come succede nella musica quando si sbaglia l'”attacco” di una canzone, se inizi male concluderai peggio. Individua parole chiave che sai per certo che i tuoi utenti useranno, analizza il comportamento di ricerca della tua audience e verifica sempre che le keywords inserite nei tuoi contenuti siano in linea con quelle che hanno un ranking elevato nei risultati. Ricorda anche di aggiornare con costanza le liste di parole e frasi che ottieni dalla ricerca, a seconda del focus che intendi dare alla tua comunicazione, dei tuoi obiettivi di marketing e delle esigenze del tuo pubblico.

2. Concentrarsi su keywords irrilevanti

Abbiamo già detto che è fondamentale parlare usando un vocabolario comune e condiviso coi propri utenti. Questo significa che devi selezionare parole chiave che corrispondano esattamente a ciò che questi digitano su Google quando stanno cercando il prodotto o servizio che anche tu offri. Se le keywords che hai individuato hanno volumi elevati ma non sono rilevanti rispetto al tuo (o ai tuoi) target, non otterrai mai la massima visibilità. Facciamo un semplice esempio: se sul tuo sito vendi scarpe eleganti da donna è inutile affannarsi a inserire nella lista voci come ‘scarpe sportive da donna’ così come ‘scarpe eleganti da uomo’, perché semplicemente non raggiungerebbero il tuo target e non ti porterebbero traffico.

3. Mirare a parole troppo specifiche

La keyword research poggia sempre su un equilibrio sottile: non bisogna mai essere troppo generici ma neppure troppo specifici. Cercare combinazioni e frasi che in pochi utilizzano è una buona strategia per ritagliarsi uno spazio ben definito nel proprio settore di business. Del resto però se tutti cercano di usare una determinata parola chiave probabilmente è perché questa garantisce alti volumi e alto CTR. Puntare solo a parole troppo specifiche non porta risultati: devi imparare a bilanciare quelle che ti garantiscono maggior traffico con quelle più focalizzate sulla tua nicchia di mercato ma che possono comunque assicurarti un’alta percentuale di conversione.

4. Non fare i conti con la concorrenza

La ricerca di parole chiave è spesso una battaglia senza esclusione di colpi e i tuoi competitors possono essere anche molto agguerriti. Evita di cadere nel tranello di una ‘corsa all’oro’ e assicurati di focalizzare la tua attenzione e il tuo budget in keywords su cui puoi realisticamente avere un buon ROI. Questo vale ancor di più se la tua attività si è da poco affacciata sul mercato: gestisci bene la ricerca in modo da individuare le combinazioni che ti danno i migliori risultati all’interno della tua nicchia per poi puntare, nel lungo termine, a parole dal ranking più elevato.

5. Sfruttare una sola keyword

Se sai che il lavoro svolto sui contenuti è ben fatto, non limitare le tue possibilità concentrandoti su una sola parola chiave, o su un gruppo eccessivamente ristretto di queste. Rifletti sul fatto che se un utente sta cercando qualcosa di specifico difficilmente si fermerà a una selezione troppo generica. Devi ovviamente selezionare parole e frasi che abbia senso utilizzare ma più riuscirai nell’ottimizzazione di una serie di possibili combinazioni (es. variando il singolare e il plurale, invertendo l’ordine delle parole all’interno di una sequenza) più probabilità avrai di intercettare le esigenze della tua audience. Questo, implicitamente, significa anche che devi essere sempre pronto a effettuare test e prove per valutare l’efficacia dei tuoi contenuti.

6. Gestire in modo inadeguato le long tail keywords

In alcuni contesti è semplicemente impensabile inserirsi con una parola chiave estremamente comune (ad esempio ‘hotel’). Non sarai mai in grado di conquistare i primi posti delle pagine di ricerca se non ti rendi visibile anche attraverso voci che non sono sicuramente in grado di portare grandi volumi ma che sono sufficientemente specifiche rispetto a quello che offri agli utenti. Le cosiddette parole chiave “a coda lunga” sono una risorsa essenziale per la tua keyword research: attenzione però a individuarle correttamente, perché combinazioni troppo lunghe e complesse non funzionano. Restando sull’esempio dell’hotel, non illuderti che una frase come ‘hotel a meno di 10 km di distanza dal centro storico adatti ai bambini con wi-fi gratuito palestra e spa’ porti traffico e conversioni sul tuo sito; segmenta piuttosto il tuo target e gioca con le informazioni che puoi dare attraverso le parole chiave.

7. Basare la scelta delle parole chiave sulla struttura del tuo sito

La coerenza è d’obbligo quando selezioni una lista di keywords ma devi porre attenzione a non far discendere tale elenco dall’impostazione che hai usato per strutturare i tuoi spazi online. Ottimizza piuttosto le pagine del tuo sito con tutte le possibili combinazioni che sai essere in grado di attrarre utenti: ogni persona esegue ricerche in modo diverso, perciò devi assicurarti che chiunque possa arrivare a vedere ciò che fai da ogni prospettiva possibile e che in ogni sezione del tuo spazio i contenuti corrispondano sempre all’oggetto della ricerca.

8. Tralasciare la valutazione dell’efficacia di una keyword

Per quanto faticoso possa essere, devi costantemente effettuare check e valutazioni sull’efficacia delle parole chiave che hai scelto. Solo in questo modo avrai la certezza di sapere se il tuo pubblico riesce a trovarti e se comprende bene cosa stai comunicando. La disponibilità di strumenti che ti permettono di calcolare la validità di una combinazione di parole e di pianificarne l’impatto all’interno della tua strategia SEO ti facilitano peraltro il compito.

 

Per concludere questa rassegna, ecco un’altra breve lista di suggerimenti che possono tornarti utili in fase di selezione delle parole chiave:

  • Se l’attività che svolgi è legata a una specifica dimensione locale (es. promozione di eventi in una precisa regione geografica) sfrutta questa peculiarità nella costruzione della tua keyword research, altrimenti rischierai di essere eccessivamente generico e soprattutto avrai più probabilità di intercettare un’audience molto motivata a trovare risposte ai propri bisogni e desideri.
  • Non cadere nella tentazione di utilizzare, nella lista di parole chiave che componi, il nome o il brand di un tuo concorrente più autorevole per promuovere i tuoi prodotti o servizi: si tratta peraltro di una pratica scorretta e la maggior parte del traffico che otterrai non sarà di qualità perché transiterà sui tuoi canali solo perché attratto dalle voci che rimandano al tuo competitor.
  • Considera sempre qual è l’obiettivo commerciale che ti sei posto: vuoi dare informazioni ai tuoi utenti o vuoi che questi compiano azioni sul tuo sito? Comprendere bene le tue stesse intenzioni ti renderà più semplice ottimizzare i contenuti che hai prodotto utilizzando una serie di parole chiave che adatterai a seconda della finalità di ciò che pubblichi.

Ora avrai sicuramente le idee più chiare su cosa non fare in termini di keyword research.

Se quello che ti serve però è una strategia davvero efficace con le parole chiave, contattaci! Metteremo tutta la nostra esperienza e competenza al tuo servizio!

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su