Perché i tuoi lettori non finiscono di leggere i tuoi contenuti e non si iscrivono alla mailing list

Quanto del traffico verso il tuo sito e i tuoi contenuti rimbalza invece di trasformarsi in iscritti alla tua mailing list? È bellissimo avere molta attenzione verso il tuo blog, ma se non riesci ad agganciare il tuo pubblico e non convinci i tuoi lettori a iscriversi alla tua mailing list, ci sono alte possibilità che non torneranno più o che non condivideranno i contenuti sui social media.
Perché i tuoi lettori non finiscono di leggere i tuoi articoli - Exelab Marketing Digitale Roma

Quanto del traffico verso il tuo sito e i tuoi contenuti rimbalza invece di trasformarsi in iscritti alla tua mailing list?

È bellissimo avere molta attenzione verso il tuo blog, ma se non riesci ad agganciare il tuo pubblico e non convinci i tuoi lettori a iscriversi alla tua mailing list, ci sono alte possibilità che non torneranno più o che non condivideranno i contenuti sui social media.

Se stai avendo difficoltà a convertire visitatori in iscritti, ci sono buone possibilità che stai facendo uno di questi errori:

1. I tuoi contenuti fanno pena

I migliori contenuti al tempo stesso educano e intrattengono. I tuoi lettori non vogliono leggere il monologo interiore che ti sta girando in testa. I contenuti prolissi o che sono difficili da leggere non ispirano i lettori e non lasciano traccia nelle loro menti. Invece dovresti trasmettere ai tuoi lettori informazioni utili che possano trasformarsi in azione. I tuoi lettori non hanno tempo di leggere troppe stronzate, dagli da masticare qualcosa che sia facile da digerire altrimenti meglio leggere un libro!

2. Stai scrivendo il tuo blog senza una “persona” specifica in mente

Quando sviluppi la tua strategia di produzione di contenuti, è utile trovare il tempo per pensare al prototipo del tuo lettore. Pensa ai problemi dei tuoi lettori e a chi puoi offrire informazioni che altri blog del tuo settore non stanno affrontando.

3. Il tuoi blog post attraggono l’audience sbagliata

Scrivere blog posts efficaci e creare una strategia di produzione di contenuti intelligente consiste soprattutto nel raggiungere le persone giuste con i contenuti giusti.

Ricevere migliaia di visitatori non vuol dire niente se le persone che leggono il tuo blog non sono in relazione con i tuoi contenuti. Ragazzini di 12 anni non saranno mai interessati ad acquistare il tuo software, anche nel caso in cui diventino assidui lettori dei tuoi post. Non ti perdere nelle cosiddette “vanity metrics”. Quando conti i tuoi lettori, pensa alla qualità prima della quantità.

4. Stai usando il mezzo sbagliato per raggiungere la tua audience

Non tutti i tuoi potenziali iscritti amano leggere. Alcune persone preferiscono la convenienza del multi-tasking mentre ascoltano podcast, mentre altri rispondono meglio a mezzi visivi come SlideShare. Se i lettori non sottoscrivono la tua mailing list, questo potrebbe essere legato al fatto che non si trovano a loro agio con i contenuti in forma scritta.

5. Gli argomenti che tratti nel blog non sono coerenti

I post che pubblichi sul tuo blog sono focalizzati su un tema ben definito o stai parlando di tutto e di più? Scrivere in modo erratico o sporadico allontana i lettori. Non sarai mai in grado di costruire una base di utenti affezionati se non scegli un argomento chiaro su cui scrivere. Avere una chiara nicchia di utenti in mente ti può aiutare a raggiungere la tua target audience e stabilire una connessione con i tuoi lettori nel corso del tempo. Quando pensi alla tua nicchia, sii sicuro di pensare sufficientemente a chi stai scrivendo. A che cosa è interessata maggiormente la tua audience? Ci sono problemi specifici che puoi affrontare con i tuoi blog posts e che i tuoi lettori possono risolvere con il tuo aiuto? Di qualunque cosa tu scriva, cerca di individuare una coerenza nella tua produzione editoriale e cerca di pubblicare in modo costante per creare un’attenzione costante.

6. Il tuo blog non ha una chiara call to action

Tutti i tuoi contenuti finalizzati al marketing dovrebbero essere chiari riguardo alle azioni che vorresti vengano compiute dai tuoi lettori. Non dovrebbe mai accadere che i tuoi lettori si chiedano: “E adesso?”. O ancora peggio che abbandonino il tuo sito senza essere coinvolti ad un livello più alto.  Sia che tu stia cercando di alimentare la lista di iscritti, sia che tu voglia guadagnare likes o clicks, devi necessariamente avere una chiara call to action che, per il lettore, sia facile da assecondare.

7. I tuoi contenuti sono troppo orientati alla vendita

Riempire il tuo blog di publbicità distrae i tuoi lettori dal tuo messaggio principale. I lettori non vogliono scorrere lungo una serie ininterrotta di banner pubblicitari o chiudere in continuazione popup solo per leggere i tuoi post. I lettori probabilmente non torneranno sul tuo sito se avvertono che stai usando il tuo blog come un tabellone pubblicitario invece che come una piattaforma per informare. Quindi è importante che la pubblicità non comprometta l’esperienza di lettura.

Non cercare di inzeppare troppe informazioni dentro ogni post. Frasi complicate e paragrafi troppo densi sono difficili da digerire. Semplifica i tuoi contenuti con un linguaggio chiaro e conciso. Evita di avere un dialetto da venditore che faccia perdere il tuo messaggio.

8. I tuoi blog post non apportano nessun valore

Coltivare un flusso continuo di lettori sì può fare acquisendo credibilità di fronte alla tua audience. Le persone rispondono meglio quando i contenuti appaiono autentici e quando aggiungono un qualche tipo di valore alle loro vite. Se tu chiedi ai visitatori del sito di investire il loro tempo e, in alcuni casi, il loro denaro, devi essere sicuro che tu gli stia offrendo in cambio qualcosa di valido. Sia che siano informazioni di immediata utilità per il loro business o consigli per aiutarli a migliorare la loro vita di ogni giorno, ci sono più probabilità che ti seguano se possono realmente beneficiare dei contenuti che gli stai offrendo.

9. Fai A/B test e installa i giusti strumenti di analisi nel tuo blog

Trovare il giusto linguaggio e messaggio per la tua audience richiede sia sperimentazione che perseveranza. Dovresti cercare di alternare e testare diversi titoli, tempi per la pubblicazione e call to action per vedere quali offrono i risultati migliori.

È anche importante utilizzare strumenti come Google Analytics così puoi vedere quali contenuti sono maggiormente seguiti dai tuoi lettori, quanto tempo i visitatori passano sul tuo sito, quante pagine consultano durante ogni sessione.

Approfondire ulteriormente con strumenti di analisi più granulari ti da ancora di più la possibilità di capire i tuoi visitatori, i loro comportamenti e le loro esigenze ad un livello ancora più profondo.

Spread the love
Torna su