18 Tattiche di Link Building spontaneo da maneggiare con cura: SOLO per esperti di marketing

Link building significa letteralmente costruzione di link e fa parte della SEO Off page, cioè l’ottimizzazione per i motori di ricerca che non avviene sul sito stesso ma al suo esterno.

Con il link building si punta a costruire una rete di backlink per un sito web, così da incremetarne il ranking. Infatti, il numero e la qualità dei backlink di un sito web accrescendone l’autorità, migliorano la posizione nella SERP (Search Engine Result Page).

I backlink sono ancora oggi considerati uno dei fattori più forti da Google per determinare l’autorevolezza e quindi il miglior posizionamento di un sito.

Anche se alcuni sono riluttanti ad utilizzare la parola link building perché ricorda le memorie di tecniche black hat oppure le vecchie strategie (pre 2012) che non sono più così valide.

Ma come fare il link building oggi, in modo corretto, senza il rischio di incorrere in penalizzazioni?

Leggi l’articolo per scoprire alcune tattiche link building sofisticate di cui probabilmente non hai ancora sentito parlare.

Di cosa parla l’articolo?

  1. Cos’è il link building lecito
  2. Come giudicare se una fonte è buona per Link Building?
  3. 18 tattiche di link building da Super Eroi
  4. La regola d’oro

Cos’è il link building LECITO?

Un tempo il link building ERA semplice e spedito, Google calcolava l’autorevolezza di una pagina basandosi su PAGE RANK (PR), una misurazione che tiene conto solo del numero dei link in entrata di un sito per determinarne l’autorevolezze, ergo il posizionamento.

Dopo l’aggiornamento dell’algoritmo Penguin (Aprile 2012), le cose sono ben cambiate: non è la quantità di citazioni, ovvero link, che conta, ma la loro qualità.

Dunque con la ricerca o il pagamento di link e il coinvolgimento in schemi di link, la penalizzazione è dietro l’angolo.

Infatti, Google è interessato a restituire nelle sue ricerche solo contenuti di qualità. Il suo funzionamento è user centred, che significa che l’esperienza dell’utente è al centro: puntando alla qualità dei link in entrata di un sito, l’utente avrà risultati più rilevanti e lo SPAM è minimizzato.

Il link building è morto, allora?

No, non saltiamo a conclusioni affrettate, questa disciplina non è morta, MA è cambiata profondamente.

Google stesso, lascia uno spiraglio di luce per noi accaniti di SEO e ce lo dice chiaro e tondo:

Il modo migliore per incoraggiare l’inserimento in altri siti di link di qualità e pertinenti al tuo è creare contenuti univoci e peculiari, in grado di acquisire naturalmente popolarità nella comunità di Internet. La creazione di validi contenuti paga.

Il tuo Google

Grazie, Google! Quindi è concesso fare link building ma solo in modo naturale, ma come?

In effetti, c’è una contraddizione in termini link building naturale? Infatti, link building si riferisce a qualcosa di costruito appunto, naturale è l’esatto opposto.

Questa contraddizione può essere risolta considerando il link building come un processo naturale, che però inizia da una tua volontà. La tua volontà o azione risulta nelle tattiche lecite di link building, spiegate in seguito; prima però vediamo come decidere se un sito può procurarci un buon link di qualità o no.

foto di schema di link come una delle tattiche link building

Come giudicare se un’occasione di Link Building è buona oppure no?

Non c’è da dimenticarsi che anche la qualità del sito che ti procura un link conta, anzi se il link proviene da un sito spam, anche l’autorità del tuo sito ne risentirà.

Un sito è di qualità e può influenzare positivamente il tuo ranking se...

  • Domain Authority (DA): questa metrica stabilita da Moz va da 1 a 100, più è alta e più il tuo dominio è considerato affidabile. La DA si basa sull’età di un dominio, la grandezza di un sito e la sua popolarità. Esattamente, la DA è una predizione di quanto un sito si posizionerà bene nei motori di ricerca.
  • Page Authority/PR: Page Authority è un’altra metrica di Moz, che determina la qualità di una pagina, invece che il dominio. per esempio, una pagina che esisteva in precedenza e che poi è stata aggiornata ha più PA di una nuova pagina. Page Rank è una metrica di Google, ad oggi PR calcola l’autorevolezza di un sito, da 1 a 10, in base al numero e alla qualità dei link in entrata. Page Authority e Page Rank sono simili misurazioni per determinare la potenza di un pagina.
  • Links: un sito è considerato buono se ha molti link di qualità. Ma non si deve guardare solo al numero di link ma anche al numero dei domini. Più sono i domini, più il sito è considerato affidabile, perché questo significa che i link provengono da più fonti.
  • Rilevanza tra i siti: questo della rilevanza non è un fattore confermato ufficialmente, ma siccome Google ha sempre in mente l’utente e la sua esperienza si potrebbe assumere che anche la rilevanza dei siti conti per fornire l’utente con informazioni che a lui interessano.

Ma attenzione, non solo il sito deve essere di qualità, anche il contenuto che contiene il backlink deve rispettare alcune accortezze.

  • Anchor Text: sono le parole cliccabili utilizzate per creare il collegamento al tuo sito. L’Anchor Text serviva ai motori di ricerca per stabilire l’argomento del sito linkato. Per esempio, se il tuo sito vende scarpe e hai un backlink con anchor text “scarpe da donna”, Google darà più relevanza nella SERP alla tua pagina, quando un utente fa una ricerca con queste parole chiave.
  • Tuttavia, tale pratica è stata talmente abusata, che non vale più. Anzi chi utilizza parole chiave soltanto [exact match] o ripete le stesse parole nell’Achor Text, in molti siti, sarà penalizzato. Oggi è preferibile utilizzare un Anchor Text più lungo oppure il link nudo, per esempio https://exelab.com
  • Co-citazioni: queste sono le parole attorno al link, Google le considera per comprendere di cosa parla il contenuto della pagina. Infatti, si vogliono scoraggiare link non attinenti.
  • Posizione dei link nella pagina: se il link è posizionato all’inizio di una pagina questo avrà più valore di un link che si trova alla fine, perché? Google pensa che i link che vengono prima hanno più valore per l’utente.

Ora che sai come decidere se un sito può procurarti un buon link o no, è il momento di scoprire le tecniche per ottenere i link in modo naturale.

18 tattiche di link building per ottenere link naturali

Ecco, ci siamo, è venuto il momento di discutere le tattiche di link building lecite, per guadagnarsi link naturalmente.

1) Contenuti strepitosi e unici

Ciò significa fare quello che Google ci dice, utilizzare la creazione di contenuti di valore per attirare backlink in modo naturale. Il processo da seguire è facile: crea contenuto rilevante e condividilo sui social e via email, per attirare l’interesse dei personaggi della tua nicchia. Se questi ritengono il contenuto di valore, saranno i tuoi brand ambassador.

2) Contenuti sexy

I maggiori esperti di content marketing confermano che vi sono alcuni contenuti che sono più di successo di altri, come le liste o l’utilizzo dei numeri nel titolo, ma anche i dati statistici. Tienilo in mente se punti a ottenere link velocemente.

3) Networking

Le condivisioni sui Social o Social Media sharing sono viste un po’ come il futuro del link building. In effetti, queste condivisioni sono veri e propri endorsement dal popolo della rete. Più un blog è condiviso sui Social e più acquisirà valore. Proprio per questo motivo, è importante avere profili social attivi e connettersi con gli influencer del tuo settore.

Disegno di ragazza con i social tattiche link building

4) “Aiutanti”

Si sa quanto sia difficile costruirsi degli alleati e divenire QUALCUNO soprattutto se sei all’inizio e su Twitter non ti considera proprio nessuno [A proposito, seguici su Twitter].

Allora come sbloccare la situazione? La risposta è trovare aiutanti. Semplicemente, chiedi aiuto e offri scambio di favori su Gruppi di Facebook di rilievo per la tua nicchia. Puoi anche richidere aiuto sul tuo sito web. Vedrai, troverai qualcuno disposto ad aiutarti perché l’unione fa la forza e essere rivali non frutta niente.

Mano che clicca su help per tattiche link building

5) Siti dei tuoi clienti

Hai dei clienti con cui lavori da molto tempo? Sicuramente, non avranno problemi a concederti un link dal loro sito. Potresti richiedere l’url nel loro footer (meglio se nofollow) o scrivere un blog post.

6) Guest post

Questa pratica è al limite della legalità, perchè purtroppo in molti ne hanno abusato in passato. Quindi Google ha deciso di penalizzare o ignorare guest post, dati i contenuti di scarso valore e discutibile qualità. Però, puoi ancora contare sul guest posing SE i tuoi articoli sono di valore e non sono inseriti con il mero scopo di ricevere un link. Quindi attenzione a anchor text troppo ottimizzate e verifica anche che il tuo non sia l’unico guest post.

7) Ego bait

Come definitito da Moz consiste nel corteggiare gli influencer della tua nicchia e sperare in un ricambio di attenzioni. Il processo è semplice, scrivi un articolo che celebra o anche solo cita un blogger o sito di tuo interesse, contatta il blogger via email o social media (o meglio ancora entrambi), aspetta e vedi cosa succede. Potresti ottenere un backlink, ma più probabilmente una condivisione sui social.

8) Broken link

Questa è una tattica creativa, ma molto usata. Consiste nel ricercare broken link nel web e suggerire nuove risorse per rimpiazzare le vecchie. Come attuarla?

Per prima cosa devi trovare i broken link in un sito di tuo interesse, se non disponi di tool a pagamento, puoi usare Broken Link Check . Inserisci l’url e ti sarà fornita la lista di broken link, poi ti resta da contattare il proprietario del sito.

Scrivi una mail accattivante per convincerlo a sostituire la vecchia risorsa con il tuo link. Per una guida completa a questa tecnica clicca qui.

Screenshot di broken link checker come tattiche link building

9) Reclamare i tuoi link

Questa strategia astuta consente di trovare nel web chi ha utilizzato le risorse del tuo sito senza citarti. Per esempio:

  • Immagini o infografiche: per trovare chi ha utilizzato le tue immagini senza menzione utilizza Reverse Image Search. Basterà inserire il link della tua immagine o fare l’upload di questa. E poi contattare il proprietario del sito: un semplice mossa per garantirsi un link.
  • Attenzione, se usi template per le infografiche, troverai anche tutti coloro che hanno usato lo stesso modello, quindi evita di ricercare duplicati per immagini non originali al 100%.
  • Testi: per trovare chi ha copiato parte dei tuoi contenuti puoi usare Copyscape ti basta inserire l’URL di un tuo articolo per verificare se effittivamente esistono copie su internet. Se trovi qualcosa, scrivi un’ email al sito web in questione.

10) Backlink da Wikipedia

Abbiamo già spiegato come ottenere backlink da Wikipedia, anche se questi link sono nofollow, in realtà forniscono una grande autorità e traffico.

11) Infografiche

Per fare link building con le infografiche, ci sono due modi: da un lato puoi sottomettere manualmente le tue infografiche a siti che le aggregano oppure puoi creare una stupenda infografica che invoglia i lettori a condividerla.

12) Skyscaprer technique

La tecnica del grattacielo è semplice in teoria. Ecco i passi da seguire:

  1. trova le parole chiave per cui ti vuoi posizionare
  2. osserva chi si è già posizionato per queste parole chiave
  3. scrivi un contenuto migliore del loro
  4. promuovi il tuo contenuto

Il punto 3 è senza dubbio fondamentale, ma cosa significa scrivere qualcosa di migliore? Analizza cosa manca in quelle pagine, per esempio non ci sono immagini? Non ci sono dati statistici? Prendi spunto dalle mancanze per scrivere qualcosa di migliore.

Punto 4 è molto importante: devi assicurarti di promuovere il contenuto, utilizza tutti i social media che hai a disposizione e poi fai anche outreach. Dovresti contattare i blogger che hanno già scritto qualcosa di attinente via email e suggerire il tuo link, come approfondimento. Inoltre, dovresti contattare anche le aziende che hai menzionato nel tuo post, l’occasione per un backlink è dietro l’angolo.

Per maggiori informazioni su questa tecnica guarda il video (in inglese).

13) Dati interattivi

Questo tipo di contenuto è molto intelligente ed interessante, consiste nella presentazione di dati in modo interattivo cosicché i tuoi utenti possano cliccarci ed interagirvi, l’utilizzo di dati interattivi dà una marcia in più al tuo contenuto.

Guarda questo articolo che utilizza dati interattivi: http://www.slate.com/blogs/the_slatest/2015/10/06/syrian_conflict_relationships_explained.html

dati interattivi come tattica di link building

Non è geniale? Io lo condividerei immediatamente con i miei amici.

14) Podcast

I podcast sono le registrazioni dei tempi moderni, come una radio senza la radio, che ti istruisce. Sono senz’altro un buono strumento per conquistare ancora più seguaci, puoi per esempio avere una sezione del tuo sito con i podcast e condividerli anche in YouTube. I tuoi podcast potrebbero essere materiale bollente e fornirti link facili. La ragione dietro l’uso dei podcast è conquistare un’audience più grande.

15) Aiuta qualcuno

Come detto prima è fondamentale fare networking e farsi notare, come fare? Anziché chiedere aiuto, dai aiuto. Condividi i link e metti mi piace ai contenuti degli altri, se fanno una domanda rispondi…. Sarai sorpreso da quante persone ricambieranno il favore, dopotutto si tratta del principio della reciprocità.

foto di persone che provano tattiche di link building

16) Directory

Sì, è vero che le directory fanno parte di quel link building che ormai è considerato illecito, ma ci sono eccezioni. Infatti, le directory sono un modo per aumentare le citazioni sulla propria azienda e sono importanti per il posizionamento locale. Se così non fosse Moz non avrebbe creato il suo strumento per monitorare le citazioni locali, giusto? Quindi utilizza solo directory di qualità al fine di posizionamento locale.

17) Press Release

Certo anche queste fanno parte del vecchio modo di fare link building, però A VOLTE possono servire. Quando? Quando il tuo link non è puro SPAM e la tua press release comunica qualcosa di veritiero e di valore sulla tua azienda. Non dimenticarti di utilizzare il nome della tua azienda come Anchore Text.

18) Email outreach

Email outreach consiste nel contattare blogger e chidergli di aggiungere il link di un tuo articolo imperdibile, nel loro sito. Attenzione deve essere un contenuto strepitoso per funzionare. Come trovare blogger e autori potenzialmente disponibili? Per esempio, puoi usare ahrefs per trovare i backlink di un articolo in tema con il tuo topic e vedere quali sono i siti che linkano, da qui hai una lista di possibili siti che potrebbero accettare di condividere il tuo link.

Regola d’oro del link building

Dobbiamo SEMPRE ricordare che il link building va a braccetto con il content marketing, quindi una strategia di content marketing riuscita dovrebbe portare alla costruzione di link in modo naturale.

Quindi la prima cosa su cui devi investire sono i contenuti di qualità, ben ricercati e poi il link building vien da se.

Con il link building non si scherza, utilizza queste tattiche di link building con cura e fai attenzione a non abusare delle tue capacità.

Conosci altre tattiche di link building efficaci? Lascia un commento, grazie!

Ti è piaciuto l’articolo su come ottenere link? Sei interessato ad incrementare la tua popolarità online? Contattaci perché potremmo lavorare insieme!

 

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.